Al Bivacco Campestrin per la solitaria Valbona

Gruppo Montuoso Bosconero
Cartina 025 Tabacco - Profilo - Traccia GPS
DifficoltÓ E
Dislivello 1000 m circa
Lunghezza 10,8 km
Altitudine Massima 1649 m (Bivacco Campestrin)
Tempo 6h 30
Segnavia 483 - 488 - 481
Punto di partenza LocalitÓ Festin (800 m) in comune di Ospitale di Cadore
Periodo Aprile 2006
Bivacco Campestrin
Note Questa escursione permette di raggiungere, attraverso la poco conosciuta Valbona, il Bivacco Campestrin, che sorge in una magnifica conca ai piedi degli Sfornioi nel gruppo del Bosconero; per il ritorno si propone una deviazione, lungo un sentiero di recente riattato, che permette di ritornare a valle passando per Casera Girolda.
Descrizione Da Ospitale di Cadore (537 m) si imbocca la stradina un po' dissestata che con alcuni tornanti porta all'imbocco della Valbona fino alla localita Festin (800 m, piccolo parcheggio, tabellone informativo sul percorso delle casere di Ospitale).
Si prosegue sulla stradina che in leggera salita si inoltra su fianco sinistro della valle che qui appare profondamente incassata a canale; sul fondo appaiono ben presto gli Sfornioi e il Sasso di Bosconero mentre dietro si ha una bella veduta sulla Valle del Piave e sulle montagne che la sovrastano: BorgÓ e Palazza. Si attraversa prima il Rui Nero che scende a cascatelle in una piccola forra e successivamente, presso una zona franosa, il Rui Bianco; dopo di questo si oltrepassa un costone e si giunge a un bivio (1110 m), dove si lascia la stradina, che prosegue alla volta di Casera Tartana e si prosegue sulla mulattiera a destra che, dopo un ampio tornante, porta al pascolo di Casera Valbona (1241 m - ore 1.30). La casera Ŕ stata restaurata e pu˛ offrire buon ricovero.
Sopra la casera inizia un ripido sentiero che si dirige verso la Val Campestrin; poco dopo si attraversa un torrentello e si risale un ripido costone boscoso sulla sinistra idrografica della valle; pi¨ in altro la pendenza si attenua e tra bosco pi¨ rado si raggiunge la bella conca, attorniata dalle piccole e grandi crode del Bosconero, dove sorge il bivacco (1649 m - ore 3).
Per il ritorno si discende a Casera Valbona per lo stesso itinerario (ore 3.45). Vicino alla casera si imbocca il buon sentiero 488 (indicazioni per Casera Girolda) che a saliscendi porta all'impluvio del Rui Bianco (1245 m), poi in salita, passando a monte di un franamento, porta sul costone del Bosc de la Cesa (1375 m). Da qui in breve si scende alla giÓ visibile Casera Girolda (1306 m - ore 5) al centro di un ampio pascolo.
Si scende ora per la mulattiera (segnavia 481) che costeggia per un tratto le cascatelle del Rui Nero, poi se ne allontana per portarsi sul costone del Pian de Forca (1144 m). Per ripidi tornanti nel bosco si perde quota rapidamente andando poi a congiungersi alla strada della Valbona poco a monte della localitÓ Festin; lungo la strada in poco tempo si ritorna al punto di partenza (ore 6.30).


Immagini
Partenza da Festin Partenza da Festin
Lungo la Valbona Lungo la Valbona
Il Rui Nero Il Rui Nero
Sasso di Bosconero e Sfornioi Sasso di Bosconero e Sfornioi
Il Rui Bianco Il Rui Bianco
Le Dolomiti d'oltrepiave con il Duranno Le Dolomiti d'oltrepiave con il Duranno
Verso Casera Valbona Verso Casera Valbona
La Valbona La Valbona
Casera Valbona Casera Valbona
Casera Valbona Casera Valbona
Casera Valbona Casera Valbona
Verso il bivacco Verso il bivacco
Spuntano gli Sfornioi Spuntano gli Sfornioi
In alta Val Campestrin In alta Val Campestrin
Gli Sfornioi Gli Sfornioi
Arrivo al bivacco Arrivo al bivacco
Le Torri di Campestrin Le Torri di Campestrin
Gli Sfornioi Gli Sfornioi
Le Torri di Campestrin Le Torri di Campestrin
Il bivacco Il bivacco
Verso Casera Girolda Verso Casera Girolda
Casera Girolda Casera Girolda
Casera Girolda Casera Girolda
Casera Girolda Casera Girolda
Lungo la valle del Rui Nero Lungo la valle del Rui Nero
Verso valle Verso valle

Home